lunedì 11 febbraio 2013

I taralli della colazione (alias da inzuppo)



Qualche giorno fa mi arriva su Facebook il messaggio di un'amica. Mi chiedeva la ricetta dei taralli da latte.
Al solo leggere la parola "taralli" sono stata catapultata nei ricordi della mia infanzia. A quando mia madre me li propinava per la colazione del mattino, da intingere nel latte.
Ricordo la mia aria un pò scocciata....io i taralli proprio non li volevo!
All'epoca c'erano le prime merendine confezionate, le girelle, i tegolini, oppure mi piaceva tanto il pane con la nutella (roba rara a casa mia, mia madre era convinta fosse, insieme ai wurstel, l'anticamera della morte precoce infantile quindi la "annusavamo" da lontano....).
Insomma, i taralli di mamma proprio non li accettavo. Però ogni tanto mi lasciavo convincere e li mangiavo. Ricordo perfettamente che, una volta inzuppati nel latte, pensavo fossero piacevoli. Lo pensavo, ma non lo dicevo...il mio pensiero era sempre per la nutella.
Fortunatamente i gusti con il tempo cambiano e la nutella, ora, non mi piace per niente. I taralli invece si, li adoro e la richiesta della mia amica è stata l'occasione per spolverare l'antico ricettario di famiglia e prepararli.

Taralli da colazione
ingredienti

5 uova
500 gr di olio di oliva
500 gr di zucchero semolato
125 gr di latte tiepido
15 gr di ammoniaca per dolci
farina debole 00 "quanta ne riceve" (l'ho pesata...circa 1500 gr)
buccia grattugiata di 2 o 3 limoni

un uovo battuto con un pò di latte per pennellarli
zucchero semolato q.b.

procedimento

Lavorare le uova con lo zucchero e l'olio, incorporare l'ammoniaca sciolta nel latte e la farina. Tenerne da parte qualche pugno, l'impasto deve essere morbidissimo ma sostenuto. In genere lavoro tutto nel Kenwood e poi termino sulla spianatoia. Ricavo dall'impasto tanti salamini e li chiudo a ciambellina. Li dispongo sulla teglia rivestita di carta forno. Pennello con il composto uovo+ latte e spolvero di zucchero semolato. Inforno a metà altezza del forno per 15/20 minuti a 180°. Fate qualche prova per la cottura perchè ogni forno si comporta in modo diverso e i tempi di cottura variano anche in base a quanto fate grosse le ciambelline.
Buon "inzuppo"!!!

16 commenti:

  1. Stupendi, mi sembra di sentirne il profumo!!!
    Bella anche la foto! ;-)
    Baci.

    RispondiElimina
  2. Che buooniii! Chiamano proprio il latte! Ma perchè no, anche una bella tazza di cioccolata calda...:)
    Ciao Pasqualina!

    RispondiElimina
  3. Devono essere uno spettacolo ^_^

    RispondiElimina
  4. Da provare. Io invece i taralli, anche da piccolo, mi piacevano molto, ma li mangiavo solo in estate quando andavo in vacanza in Calabria, mentre sù a Milano non apparivano in casa (diciamo una 35quina di anni fa o più). Io mi facevo un orrida, dieteticamente parlando direi, zuppa di latte freddo e taralli: mi sa che quasi quasi, rifo, anche sfruttando il fatto che qui in UK il latte è da urlo e che questi taralli sono facili facili da preparare. ciao - stefano

    RispondiElimina
  5. Da provare. Io invece i taralli, anche da piccolo, mi piacevano molto, ma li mangiavo solo in estate quando andavo in vacanza in Calabria, mentre sù a Milano non apparivano in casa (diciamo una 35quina di anni fa o più). Io mi facevo un orrida, dieteticamente parlando direi, zuppa di latte freddo e taralli: mi sa che quasi quasi, rifo, anche sfruttando il fatto che qui in UK il latte è da urlo e che questi taralli sono facili facili da preparare. ciao - stefano

    RispondiElimina
  6. buoni i taralli da zuppone...da queste parti li facciamo simili, ma con lo strutto.

    RispondiElimina
  7. Subito salvati nella cartella delle ricette da fare!

    RispondiElimina
  8. E' un post che mi ha fatto emozionare...forse non te ne rendi conto ma è così nostalgico da commuovere! bravissima come sempre....anche per la foto, signora sister!!!!

    RispondiElimina
  9. ciaoooooo!!!! fantastiche ricette!!!! fai un salto anche nel mio blog ti spetto!!!! rosina

    RispondiElimina
  10. mmm quella superficie irregolare chiama proprio una tazzona di latte! ciao Pasqui buonanotte

    RispondiElimina
  11. Mi ha fatto ridere di cuore una frase del tuo post: "roba rara a casa mia, mia madre era convinta fosse, insieme ai wurstel, l'anticamera della morte precoce infantile..." :-D Mi piacciono le persone simpatiche e tu lo sei, molto :-) I taralli sono favolosi! Viva le buone merende di una volta ;-)

    RispondiElimina
  12. Che bella ricetta...non li conoscevo in questa versione...li devo provare!!!!

    A presto
    Monica

    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  13. Non li avaveo mai visti, adoro i taralli, per cui... da provare!!!

    RispondiElimina
  14. Che bonta'! Da provare assolutamente!

    RispondiElimina

Condividi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...