sabato 6 agosto 2011

Le graffe del Maestro


Le graffe del Maestro Adriano Continisio sono un'esperienza da fare!
E non si possono descrivere, si devono solo addentare in religioso silenzio.
Si rimarrà scioccati dalla morbidezza incredibile, dalla dolcezza per nulla stucchevole, dal profumo che emanano.
Ho provato tanti impasti di graffe fino ad arrivare a questo che è perfetto. Ma Adriano è Adriano, chi si è imbattuto sul suo blog se ne sarà già reso conto!!
Vi copio-incollo la sua ricetta con le sue spiegazioni, io non potrei fare meglio!
Fatele e non abbiate paura della prova costume!!!!

Le Graffe

Ingredienti:


500gr farina forte (ho usato una W400)
100gr latte
100gr burro
3 uova medie
200gr patate lessate e schiacciate
80gr zucchero
15gr lievito di birra
8gr sale
buccia grattugiata di un limone

Mescoliamo il latte tiepido con il lievito e 90gr di farina. Quando sarà gonfio (ca. 40') uniamo le uova, il sale, lo zucchero e circa 300gr di farina, incordiamo.
Aggiungiamo le patate a temperatura ambiente ed il resto della farina, incordiamo poi uniamo il burro appena morbido (non in pomata), incordiamo capovolgendo più volte l’impasto.
Se non riusciamo ad incordare, quando l’impasto è diventato elastico spegnamo la macchina e copriamo. Dopo 15 minuti facciamo fare 5 – 6 giri a vel. bassa, copriamo. Dopo 15 minuti ripetiamo l’operazione, copriamo e lasciamo raddoppiare (ca. 2 ore).
Rovesciamo sul tavolo, diamo un paio di giri di pieghe 2 (prendiamo un lembo, tiriamolo delicatamente verso l’esterno e portiamolo al centro. Prendiamo l’angolino destro e ripetiamo l’operazione. Quando abbiamo completato il giro riprendiamo l’operazione facendo una maggiore pressione al centro e completiamo un altro giro, dovremo ottenere una mezza sfera tesa), rovesciamo e copriamo con pellicola.
Dopo circa un’ora rovesciamola di nuovo, pieghiamo in due ed allunghiamo.
Spezziamo in pezzi da 60gr e avvolgiamo stretto. Quando abbiamo finito riprendiamo dal primo e, con le dita infarinate, premiamo al centro fino a forare.
Facciamo roteare sul dito per formare l’anello e mettiamo man mano sul tavolo poco infarinato coprendo con pellicola, lasciamo lievitare 30 minuti.
Riscaldiamo a 170° abbondante olio di arachidi (devono galleggiare), immergiamo poche per volta dal lato che era in alto. Non appena finisce di gonfiare giriamo e portiamo a doratura. Giriamo ancora e portiamo a doratura.
Asciughiamo con carta da cucina e passiamo nello zucchero eventualmente mescolato con poca cannella in polvere.
Le ho anche fatte ripiene di crema pasticcera

ecco l'interno...morbidissimo!




19 commenti:

  1. Ma come ti sono venute bene!!! L'allieva ha superato il maestro ;-) Bravissima davvero :-)

    RispondiElimina
  2. oh mamma! sono una delizia solo a guardarle... carissima le proverò sicuramente anche perché è da un pò che non le faccio... una ricetta in più è sempre ben gradita ;)

    RispondiElimina
  3. Porca miseria....ci hai convinte con due parole!
    Anch'io sono un'appassionata e qui nel mio paese c'è un posticino storico dove fanno solo quelle, se riguardo le foto di 40 anni fa ci sono sempre io con un krapfen in mano ed un kraffettaro con la sua cassetta a tracolla lungo la battigia!!!
    Provo senza alcun dubbio, anzi...sono pure impaziente!!!

    un saluto........Fabi

    RispondiElimina
  4. Adriano,, è una garanzia. Non servono altre parole, solo il suo nome. Ma io, davanti a queste foto, sto svenendo lo stesso...:-D

    RispondiElimina
  5. Da come le descrivi devono essere favolose... non rimane che provare a farle...

    RispondiElimina
  6. dolcezza mia... Sono le sei e mezza del mattino e ciò una fame.... aprire il pc e trovare queste cose non è bello.. io non ce le ho qui con me!!!!

    RispondiElimina
  7. Sinceramente con questi dolci la prova costume e' insignificante ! Meglio un dolcetto che ti tira su che rinunciarci:-) ciao

    RispondiElimina
  8. da oggi ti seguo anche io se ti va vieni da me e seguimi ..prendo una graffe..

    RispondiElimina
  9. Ciao Pasqualina queste graffe sono una meraviglia.....Da oggi sono una tua sostenitrice,se ti va passa per il mio blog
    http://ricette-di-cucina-di-laura.blogspot.com/
    Ciao a presto

    RispondiElimina
  10. Che poesia,che meraviglia,che bellezza!!!!!

    RispondiElimina
  11. Che incanto!!!!!! Che fame!!!! Che brava!!!!!
    Complimenti tanti tanti!!! Sono spettacolari!!!!
    Un bacione!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Buonissime.....sicuramente da copiare!!!!!!Buona domenica!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che meraviglia...sono un attentato alla dieta!!! ne addenterei uno molto volentieri!! Bravissima!

    RispondiElimina
  14. Ohhhh ma che delizia son questi li faccio anch'io bacioni ciao

    RispondiElimina
  15. Te han quedado de lujo me encantan,me los llevo para acompañar con un rico té ,grandes abrazos.

    RispondiElimina
  16. wow wow wow......ma sono strepitose!!!!!!!!!!!!!
    altro che quelle di pasticceria....queste sono perfette, lievitate, morbide....davvero splendide....complimenti!!!!!!!!
    bravissima!!!
    a presto,
    ciaooooooooooooo

    RispondiElimina
  17. "Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca qui:

    http://www.openkitchenmagazine.com/

    Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

    http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
    http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^"

    RispondiElimina
  18. che bontà!! lunedì semplici e ripiene? grazzzzzzzieeeeee :-)

    RispondiElimina
  19. Anche io le preparo ma la ricetta è diversa,proverò sicuramente anche questa.

    RispondiElimina

Condividi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...